Sentirsi giovani vecchi

Un paio di giorni fa mi è arrivata una delle solite mail dalle strutture di formazione e riqualificazione dove ho seguito i corsi nel breve periodo della cassa integrazione.

scandalo formazione

Sebbene ormai quei corsi non me li possa più permettere (perché sono diventati a pagamento visto che non ho più un’azienda che mi “sponsorizza” né per la cassa né per la formazione, e poiché ho provato a iscrivermi per qualcuno di quelli gratuiti ma è risultato che, con le lauree e le esperienze pregresse l’attuale percorso che ho seguito, sono TROPPO qualificata per aggiudicarmi una borsa di studio), ogni tanto continuo a buttare l’occhio, per vedere se magari c’è ancora qualcosa per me, all’interno del sistema.

Ed ecco la beffa: il mio occhio viene attirato dal titolo “Corso per tecnico di marketing”. Il corso è dedicato a quei “giovani che vogliono inserirsi nel fiorente contesto dell’Expo 2015 e aiutare le aziende che vi parteciperanno a entrare nella sfera “web” internazionale.

Di per sé mi viene già da ridere, vuoi per il contesto, vuoi per l’esca che si crede ancora così allettante(lavorare per l’expo, ma anche per le aziende: il prestigio di proporsi in un contesto internazionale, volete mettere! Con giovani professionisti “tecnici” formati per l’occasione. Occasionissima proprio).

E poi oltre l’occhio mi cadono le balle.

Una postilla recita: “Corso gratuito dedicato a giovani fino a 34 anni”.

alfred-eisenstaedt

E mi dico non può essere. Cioè, lo è, ma non ci posso credere.

So esattamente cosa c’è dietro quel limite di età (la certezza che, visto che sei giovane e “appena formato”, chiunque si sentirà titolato a offrirti al massimo uno stage con rimborso, nei casi più fortunati un contratto a progetto malpagato, o pagato forse-chissà-quando-intanto-aspetta-e-spera) e mi dico che sta cosa non smetterà mai.

Non smetterà mai perché anche le istituzioni preposte (quelle dei corsi di formazione della Dote Lavoro, quelle che in teoria dovrebbero aiutarti) non fanno altro che alimentare il già troppo prosperoso mercato della carne da trincea. Formando con qualche corso di 8-16 che sbrodola su come gestire la pagina Facebook di un’azienda per l’Expo 2015 e poi gettando i malcapitati in pasto alla logica del “prima mi dimostri che sai lavorare (con un bello stage di 6-9 mesi) e poi si vedrà.

E a chi ha compiuto 35 anni quest’anno, cosa resta? La certezza di essere troppo vecchi per il mercato dei giovani e troppo giovani per quello dei vecchi? E ovviamente, il dubbio che questo sia un nemmeno troppo sottile  né velato rimprovero istituzionale per non averla fatta finita il passato giorno del 35 compleanno.

Ma andate a tendervi, tutti quanti, sul serio.

Anzi, ma vaffanculo, #oggidicoNO proprio a voi.

Annunci

4 thoughts on “Sentirsi giovani vecchi

  1. È ridicolo, irrispettoso e davvero rispecchia un sistema malato. Se ho 35, 40 ma anche 50 anni, e non solo voglio ma ho la necessità di formarmi, che cosa ho che non va? La scabbia? No, certo che no, basta pagare fior di soldi. Ma avendo perso le illusioni “giovanili” e sapendo, appunto come dici tu, che si andrà solo ad alimentare la schiera dei sottopagati, è meglio evitare.

    Anche io mi unisco e anche io #oggidicoNO a chi sfrutta questo sistema patologico.

  2. Pingback: Expo 2015: una rassegna stampa di parte… ma anche NO | Giovane Carina e Disoccupata

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...