Ai loschi individui dico NO

Come ormai sapete se avete leggiucchiato qua e la (e se non lo sapete ve lo dico adesso) la scorsa settimana ho avuto modo di seguire un bel calendario di eventi di formazione online gratuiti.

Il che, già di per sé, è una buona cosa.. se non fosse in aggiunta che la maggior parte degli eventi che c’erano in calendario sono stati, a tratti: rassicuranti (si, perché c’è un che di rassicurante nel sentirsi ripetere cose che si sanno già, con una veste nuova, con qualche aggiornamento, o semplicemente come riconferma che “la sappiamo giusta”, la storia), entusiasmanti, illuminanti, e decisamente utili.

La maggior parte.

Poi ce né stato uno che, come ormai sono rassegnata a pensare, ha scatenato il mio disgusto, e una ridda di pensieri. Primi e non ultimi insulti per il losco individuo, per tutta la sua progenie (ivi compresa la corte di lecchini che hanno applaudito ad ogni sua stupidaggine) e così via. E di questo oggi voglio raccontarvi.

makemoneyblog

Si parlava di come fare soldi con il blog (e che faccio, non lo seguo sto corso??). Sulla carta, il relatore pareva “un tipo a posto”, anzi, decisamente immanicato: collaborazioni con varie testate online di settore, un blog per sua stessa definizione “ben avviato” (ovvero che lo fa guadagnare) e così via.

È andato tutto bene fino a che il tizio.. non ha aperto bocca. Di li in poi vi giuro, mi sono cascate le balle.

Soprattutto per quello che diceva, che vi riassumerò in breve (ma non vi sto facendo un favore):

–          Per far decollare il blog ci vuole PASSIONE (e chi è sto genio, che in un seminario che ti deve insegnare a FARE SOLDI dalle idee tue continua a ripeterti che quello che importa davvero è la PASSIONE?! Ennò ciccio, quello che importa davvero alla fine so’ i soldi, eddai, quelli che ti sei intascato per venire adirci ste strunzate….)

–          Guadagnare con il blog non si può, non direttamente almeno (ciao ciao sogni di gloria)

–          Guadagnare indirettamente si può, in due modi (udite udite)

1.con adsense, ovvero vendendo i tuoi spazi e facendoti pagare per ospitare le pubblicità (ma devi avere un blog di appeal)

2. Vendendo direttamente te stesso, utilizzando il blog/spazio online come cv ultramegafico per attirare clienti e possibili datori di lavoro (ma, udite udite  ancora, DEVI AVERE UN BLOG di appeal per fare questo)

OVVERO: DEVI ESSERE QUALCUNO PER DIVENTARE QUALCUNO

ceo

Ok, calmi, forse abbiamo capito male: guadagnare con il blog non si può ma serve da vetrina per proporsi come candidato ideale, freelance, etc. etc. MA PRIMA, ci vuole un blog ben avviato per fare tutto ciò.

(ma come, ma non eravamo qui per imparare a fare blogging e a guadagnare dal blog, e mo mi dici che per fare tutto ciò ci vuole un blog ben avviato..e dove lo compro, al mercato alla bancarella degli arabi?? – boh magari a quella dei cinesi-)

Prima, ribadisce il pluripremiato (e anche casualmente un po’ bannato da google, scopriamo dopo un po’), PRIMA BISOGNA INVESTIRE. Bisogna costruirsi un bel blog, piacevole, trovare l’argomento giusto – che è poi quello di nostra specializzazione, e con cui vorremmo “lavorare”. Bisogna INVESTIRE nei giussti materiali (le immagini), e nelle sponsorship (per farsi conoscere… ma non avevamo messo in piedi il blog proprio per farci conoscere? Vabeh sorvoliamo).

Poi bisogna INVESTIRE per trovare la persona giusta che ce lo gestisca, a livello tecnico.

Ma come. Ma non l’avevamo messo in piedi per gestire noi, e dimostrare che siamo tecnici?

E bisogna INVESTIRE per posizionarsi (sui motori di ricerca & co. sennò chitticaga? Come si suol dire).

Insomma, avete già capito che a questo punto mi uscivano i fumi dalle orecchie. Era la solita solfa: per lavorare bisogna prima PAGARE. Di tasca propria. Esattamente.

pagare per lavorare

Auto sponsorizzarsi o procurarsi degli “sponsor” a loro volta di un certo prestigio che (in cambio di non si sa bene cosa.. o si sa fin troppo bene) ti presentino e ti aiutino a sostenere il tuo bel castelletto di carte, e costruirsi questo alias bloggarolo pluriplausato da vendere alla maniera italiana, col giochetto delle tre carte.

E così via.

Ecco la cosa che mi ha fatto più tristezza, e più arrabbiare: scoprire anche qui, anche in questo, nemmeno troppo nascostamente proposto, il paradigma dell’Italia contemporanea. Di quella che va avanti a spintarelle e emeriti “amici di”, gente senza arte né parte (e soprattutto senza competenze REALI). Di quella che si vende come fumo colorato, ma incapace di supportare i giusti valori. Di quella che fa gregge (dovevate sentire i cori di “bravo”, “bene”, “bis”, “ottimo intervento” come fioccavano – il che mi ha fatto chiedere se era peggio la capra che parlava o il gregge di pecore dietro -)

gregge

Io giuro che tanta ignoranza travestita da saccenza, e tanta inutile (e ingiustificata) pienezza di sé non la vedevo dall’epoca dell’università, e dei corsi obbligatori per “mantenere” i docenti “sponsorizzati” dall’ateneo (ovvero quelli incapaci, ignoranti della peggio specie, insipidi, ma “amici di” o “parenti di”, titolati di cattedra, un esercito di assistenti leccapiedi, e due o tre pubblicazioni – sempre quelle, messe assieme alla bell’e meglio cannibalizzando il lavoro altrui, fatte uscire a spese dell’ateneo e appunto mantenute con cicli di corsi in cui si obbligavano gli studenti a comprare suddetta pubblicazione -).

Ecco, uno schifo così non lo vedevo da allora.

Fatte salve le repliche del triste teatrino variamente rappresentate a ogni elezione politica, parlamentare, europea, comunale, e di assemblea di condominio, ovviamente.

gatto-volpe

cantiamo insieme: “di noi.. ti puoi..fidar!”

15 thoughts on “Ai loschi individui dico NO

  1. Purtroppo c’è sempre più gente in giro che vende aria fritta e se ne vanta. Ogni volta che sento o mi ritrovo a vivere queste situazioni, nella mia mente scatta la canzone di Caparezza: “Non me lo posso permettere”…

  2. Ciao!
    Senti, secondo me i consigli del blogger esperto alla fine sono validi. Sembrano scontanti, magari per te, che blogger già lo sei. Non per le disoccupate ex operaie che di blog e blogger hanno letto solo sulle riviste del parrucchiere pre-crisi. Guadagnare con adsense mi pare ormai pura utopia, dovresti avere più o meno 5000 visite giornaliere per farti uno stipendio (e su blog di proprietà tua, non su wordpress.com) manco fossi una testata giornalistica di massa. Sul creare il blog come super-mega curriculum io ci credo: sta poi a te farti trovare. Dunque studia un modo per farti trovare. Fai networking, cerca altri blog simili al tuo, usa Twitter e gli altri social e via discorrendo. Scrivi tanto, tutti i giorni possibilmente. Individua la tua nicchia, di lettori e di eventuali clienti. E’ un lavoro lungo che pagherà solo alla fine (forse), e che richiede studio e costanza. Altre ricette miracolose secondo me non ce ne sono, per non ricadere nelle truffe da itaglietta (si, proprio con gl) che tu ben conosci…
    Simone

    • Su quello che dici sono d’accordo, dopotutto ciascuno di noi ha aperto il blog per un motivo simile (io stessa come vetrina per la mia attività di blogger e come esperimento durante un corso di formazione proprio su queste tematiche) ma da qui a magnificare le lodi del guadagno con adsense e le altre castronate (tecniche, e fidati che erano delle cose che non si potevano sentire) per convincere la gente a investire (nella sua consulenza in primis) ce ne passa!!! La maniera onesta di fare e’ la tua, non la sua da itaglietta appunto e non ho trovato giusto che cercasse di profittare di gente magari disperata e poco tecnica abbindolando la così. Tutto qui🙂

      • Bene, ti sei chiarita alla perfezione, questa “sfumatura” non l’avevo proprio letta tra le righe. Si tratta dunque della classica vendita (di un servizio?) mascherata da corso formativo. Le mia ragazza qualche anno fa ha vissuto un’esperienza simile durante un colloquio di lavoro…roba da non credere. Erano lei ed altre candidate per un posto vacante da segretaria, e a un certo punto si presenta un ometto armato di pc e slide da mostrare per convincerle a comprare i prodotti della ditta, e che da questa vendita ci avrebbero guadagnato se avessero sponsorizzato i prodotti anche ai parenti. Poi le possibilità di inserimento nell’organico sarebbero aumentate, a patto però di essere iscritte ad un loro corso formativo. Di schifo così purtroppo ce n’è in giro parecchio.

      • Anche splendore le famose organizzazioni a piramide tipo amway.. Avevo un amico che si era fatto prendere dentro alla fine l’ho cassato dalle amicizie perché non ne potevo più una cosa odiosa. In fondo però il concetto e’ quello: devi pagare/sponsorizzare per lavorare.
        Ma anche no!

  3. Quando si dice parlare di aria fritta!!! Ma questo tizio? Da dove è sbucato!? Anche io pochi giorni fa ho partecipato ad un workshop dedicato al mondo delle fashion blogger, ma ti posso assicurare che sono state dette cose concrete!!! Roba da matti, cmq una cosa è certa: se non hai APPEAL che campi a fare [cit.]😉

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...