Festa della donna… che lavora

Oggi è la festa della donna.

eh si.. mimosa in ogni dove e se siete allergiche.. son czzi vostri

eh si.. mimosa in ogni dove e se siete allergiche.. son czzi vostri

si, ma mica di una donna qualunque, che vi pare facile di poter festeggiare anche voi… non è la festa della mamma, o della donnaqualunque, o della donna bellissima o persino di quella brutta ma simpatica, no: è la festa della donna CHE LAVORA.

Così, guardiamoci in faccia: un’altra festività si aggiunge al già lungo elenco delle festività che ci snobbano, che ci prendono proprio a pesci in faccia.

La festa della mamma se non siamo mamme, San Valentino se siamo spudoratamente singles, il 1 maggio (altra festa dei lavoratori), San Firmino perché non siamo più studenti al primo anno (si spera… ma anche un po’ un peccato sta cosa). Insomma: noi donne disoccupate non abbiamo DIRITTO  di festeggiare.

donna-stressata

Persino le casalinghe ora ce l’hanno (visto che il loro lavoro è stato stimato equivalere a circa 4.000 euro al mese di stipendio ..stica!), il diritto di festeggiare la festa della donna (altrimenti non si spiegherebbe l’orda di assatanate che in questa data si riversa per le strade e per i quartieri più malfamati di Caracas – ma non solo  – alla ricerca di..beh, chiamiamolo vagamente intrattenimento).

E anche se ci mettiamo a considerare il significato intrinseco (e non la pagliacciata che ne è venuta fuori dopo) di questo festeggiamento, la cosa non migliora..o forse si?

Lasciatemi pensare: si festeggia la liberazione, l’emancipazione delle donne dalla schiavitù, dal giogo, dall’assurdità del lavoro in fabbrica.

Ergo, visto che noi siamo “liberate” nel senso più ampio dal lavoro in toto… minchia! (come dicono al sud) ma allora noi siamo emancipatissime!

Si evviva siamo emancipatissime e liberissime di vivere la nostra vita come in uno spot della Nuvenia o in uno della Sector: senza limiti!

parapendio-1024x813

Certo avremmo gradito poterlo decidere noi invece di trovaci sbattute in mezzo alla cosa ma ehi.. adesso che ci penso bene: se il prezzo della libertà è dover rinunciare agli stupidi festeggiamenti della festa della donna.. affare fatto! Voglio dire: lunghe passeggiate in giro per la mia città come e quando più mi piace, lavorare se ho voglia (e se ne trovo) altrimenti no, farmi i beati fatti miei.. è una vita di lusso. No?

Il più delle volte si. Lo sapete.

Mi resta solo la vergogna di quando mia madre mi guarda e lei, sessantottina, che ha 40 anni alle spalle di lavoro, (ha cominciato in fabbrica a cucire i pigiami a 16 anni, a 20 ha avuto me, e da allora sono passa trent’anni che fa la casalinga) si chiede che cosa ha combattuto a fare, in quegli anni, per l’emancipazione delle donne, per migliori condizioni di lavoro, per avere un sindacato, il diritto alla maternità, il diritto a questo o quell’altro… già.

operaie-festa-della-donna

Questo dovremmo chiederci noi donne disoccupate, buttate in mezzo a una strada dove avremo ancora meno possibilità dei “colleghi” uomini di trovare un lavoro (e infinitamente meno di quante ne avevano le nostre madri negli anni settanta, pensateci: a quei tempi bastava “aver voglia di lavorare” ed era fatta. il lavoro te lo tiravano dietro). Questo dovremmo chiederci: per che cosa hanno combattuto le nostre madri, per che cosa sono morte quelle famose donne/eroine/martiri quell’8 marzo di ormai secoli fa?

tabacchine-festa-della-donna-2012-roma

Perché i sindacati e i partiti politici potessero svendere noi e il nostro futuro e quello dei nostri figli (e mi sa anche quello dei figli dei nostri figli) senza battere ciglio? Perché si arrivasse un giorno al lavoro “flessibile”?

Alla faccia.

Siamo messe bene. Festeggiamo, si, che ce n’è da festeggiare.

principesse-disney

ps. per quanto mi riguarda, credo che resterò tappata in casa. Non vorrei essere costretta a dire a qualche venditore ambulante, o a qualche tronfio maschietto, dove se lo possono infilare il ramo di mimosa

8 thoughts on “Festa della donna… che lavora

  1. Piccola chiosa…il lavoro “stimato 4000 euro” delle casalinghe è per l’appunto… stimato. E di sondaggi, stime e quant’altro non si vive comunque. In ogni caso io ho sempre odiato questa festa così come tutte le altre che nomini e le mimose mi piacciono solo sui rami dei loro alberi. Secondo me puoi uscire temerariamente sfidando la sorte: le mimose in questi frangenti hanno un costo talmente elevato che dubito che i maschietti abbiano voglia di investire un capitale in quel senso.🙂 Sursum corda e buona giornata!

    • Non sottovalutare mia cara la scioccaggine in certi frangenti che posso dimostrare gli uomini…😦 sto facendo la conta al decimo marocca che mi mette sotto il naso la mimosa lo picchio. E manca poco …:(

  2. E’ vero, è angosciante pensare che i diritti che abbiamo ottenuto grazie al coraggio delle nostre donne (mamme e nonne) li stiamo miseramente perdendo o spesso vengono raggirati.
    Trovo che festeggiare questa ricorrenza con stupidi cenoni e spogliarelli maschili ecc sia di quanto più triste possa esserci, senza contare che la maggior parte delle donne non sa nemmeno cosa si ricordi in questa data.
    Concludo dicendo che ieri Milano era infestata dai cingalesi che ad ogni angolo proponevano mazzetti di mimose e guardandoli ho pensato “già non ho nessuno che me le regali, figuriamoci se me le devo comprare da sola”😉
    Buona domenica!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...