La suprema arte mimetica..dell’invio cv

Eccoci qui, dopo i miei ultimi “focosi” post vorrei condividere con voi uno dei pensieri che mi mandano più in bestia da quando mi sto arrovellando il cervello sui problemi e le disavventure (ma anche le grandi avventure e immaginifiche scoperte) della vita quotidiana di un disoccupato.

E in particolar modo, sull’argomento a me più  caro.. ovvero l’odio per l’attività di invio cv e tutti i suoi correlati e affini.

Roba che mi va il sangue alla testa al solo pensarci.

E ci penso spesso. Purtroppo.

Come ognuno di voi, del resto.

Qui, ad esempio, potete gustarvi un breve riassunto di tutto quanto ci capita nel vivere la nostra quotidiana vita di disoccupati, giorno dopo giorno, momento “OMG” dopo momento “OMG”, …dopo momento “WTF”… e se non siete angolofoni mi spiace per voi perché vi perdete qualcosa di sen.sa.zio.na.le:

http://www.buzzfeed.com/video/mikerose/awkward-moments-when-youre-unemployed

E quindi mi capirete se vi dico che mi fa letteralmente imbestialire, la vuotezza, superficialità, pochezza, e la rigidità delle regole che regolamentano (scusate il gioco di parole) il poco gioioso “valzer dell’invio cv”.

corteggio

Quella danza macabra che è scandita dalle stesse fasi del corteggiamento..o della caccia:

  1. targettizare il bersaglio (= leggere gli annunci)
  2. inquadrare il bersaglio (= cliccare su “invia cv”)
  3. preparare l’arma (=intestare la lettera di presentazione e cambiare la data di invio da ieri a oggi)
  4. caricare puntare fuoco (=cliccare su “invia cv”)
  5. attendere che la preda stramazzi a terra (= attendere la telefonata del selezionatore)
  6. riportare la preda a casa (Se prima non se l’è mangiata il tuo cane, o un altro predatore) (=………. Non lo so, non mi è mai capitato e non vado a caccia)

corteggiamento

Comunque, sono le fasi  che stanno fra il 5 e il 6, e anche la 3, a crearmi i maggiori grattacapi, e le maggiori incavolature. Ma feroci proprio.

Partendo dalla fase 3:

Una delle regole d’oro per l’invio corretto dei cv è per l’appunto la “personalizzazione” del cv che, oltre che brillare di luce propria, deve essere preparato in modo da essere accattivante al massimo, praticamente irresistibile e ogni volta diverso da sé stesso. O perlomeno lo deve essere la vostra lettera di presentazione.

OGNI VOLTA.

OGNI MALEDETTA VVOLTA CHE INVIATE UN CV dovreste teoricamente stilare da nuovo la vostra lettera di presentazione e non solo: dovrete inventarvi OGNI VOLTA un modo per renderla brillante (ma non smaccata), simpatica (ma non troppo, chè i gigioni piacciono solo ai Vanzina), piena di buoni motivi per prendere in considerazione voi, voi e solo voi per quel lavoro.

OGNI VOLTA.

Ogni maledetta volta dovreste inventarvi nuove e sorprendenti qualità per cui convincere il selezionatore che quel lavoro è proprio adatto a voi, solo voi e nessun altro.

clown

Capite l’assurdità.

No, non che quel lavoro si a proprio adatto a voi e nessun altro, e nemmeno che fareste di tutto per accaparrarvelo (se bastasse inventarsi ogni volta 10 buoni motivi per assumervi, voglio dire.. avremmo tutti trovato lavoro già da mo, visto che l’Italia è paese di creativi, no?). Capite l’assurdità delle richieste che ci squalificano già in partenza.

Che ci fanno passare la voglia.

utile

Che vi fa chiedere ma quale insano e malato di mente genio del male ha inventato le assurde regole dell’invio cv, per le cui stesser regole non tanto creare, quanti INVIARE il cv perfetto diventa pressoché impossibile, e quindi tutto l’apparato di regole e convinzioni che dovrebbero garantire un equo e libero mercato dello scambio cv va invece a costruirlo come un’assurda scatola cinese che custodisce all’interno uno scrigno assolutamente …vuoto.

Nessuna proposta di lavoro, nessun annuncio, solo falsità, convenzioni, facciate, cche nascondono stanze vuote.

Che enorme tristezza, che immane beffa, che nervoso ogni volta che penso di inviare un cv… e poi penso a tutto questo! Che frustrazione e frustamento di balle (che poi comincio a parlare come la Littizzetto, e dio ci salvi!)

dignità

Ma la fase che sta fra il 5 e il 6 (accomunabile all’assurdo voto dal 5al 6 – o 5/6 – che usavano propinarci le prof alle superiori, e che odiavamo come non mai poiché non voleva dire nulla: non era un 5, non era nemmeno un sei, ma neanche un 5 e mezzo o un 5 e tre quarti.. se ne stava lì, senza un vero peso statistico, ma aggrappato alle nostre spalle come un gatto attaccato ai maroni – a penalizzarci su quella tanto agognata sufficienza).

Dicevo, è la fase dal 5 al 6, quella che odio di più. La più falsa, farlocca, finta, spregevolmente di facciata, fantoccia, attoriale, impostora, smaccatamente turlupinante, fase in cui ce ne stiamo lì che aspettiamo la telefonata per un colloquio… e quella GIUNGE.

Uno schiaffo che ci raggiunge in pieno viso, solitamente nel bel mezzo di una delle numerose attività in cui noi disoccupati siaamo avezzi esercitarci da mesi, anni, ormai, durante la nostra quotidianità: l’arte del far nulla e impegnare così le nostre lunghissime sfaccendate giornate.

Si perché vedete l’ipocrisia sta tutta in questo momento, che è regolato dalla regola d’oro che recita: (quando giunge la telefonata) fingere di essere indaffarati in qualcosa di lavorativamente utile ma disponibili. Ma non troppo, in modo da non sembrare disperati o…inoccupati.

Ecco.

NON DOBBIAMO SEMBRARE INOCCUPATI, noi disoccupati.

Se ci chiamano alle 8 e mezza di mattina, non dobbiamo rispondere con la voce assonnata di chi dorme fino alle 9 e mezza, visto che (perdio!) può farlo, non avendo un lavoro a cui correre!

telefono_auto_russia_con_amore

Se ci chiamano mentre stiamo amabilmente passeggiando al parco, al mercato, al supermercato, per negozi, o prendendo un the con le amiche, o visitando una cavolo di mostra su Van Gogh, dobbiamo sempre fingere che la musichetta in sottofondo provenga da uno degli uffici vicini al fantomatico ufficio dove dobbiamo fingere di lavorare ancora…perché nel rispondere al telefono a qualcuno che ci può potenzialmente offrire un lavoro non dobbiamo assolutamente confessare di essere:

  1. sfaccendati = senza lavoro (o viceversa)
  2. ansiosi (di avere quel lavoro)
  3. disperati e pronti a tutti (per avere quel lavoro)

Capite?? Capite perché mi manda in bestia questa cosa?

Perché noi disoccupati dobbiamo sempre fingere, fingere fingere. Fingere di essere altre persone, fingere di essere più interessanti di quello che siamo, e meno disperati di quello che siamo, e più allegri, ottimisti, felici, soddisfatti, pompati, motivati, affaccendati, sulla cresta dell’onda, desiderati, corteggiati, pluripremiati.

Perché cercare un lavoro, è diventata un’attività pornografica!

Da fare e tenere nascosta!

Del tipo “si, vi ho inviato il cv.. ma così, giusto per”.

Per cosa? Non certo per divertimento, visto che non mi diverto affatto, proprio no. E nemmeno per passatempo, visto che dormo, o passeggio, se voglio passare il tempo.

E nemmeno per sostituire un altro lavoro, visto che non ce l’ho. Né per arrotondare, visto che manca la base.

Né per altri 10, 100, 1000 stupidi motivi inventati visto che lo sappiamo TUTTI che al giorno d’oggi ci sono più disoccupati che gente che lavora e che tutti, tutti siamo alla disperata ricerca di un tozzo di lavoro. Altrimenti non invieremmo cv a ripetizione come catene di s.Antonio!

E tuttavia, continuiamo ancora a nasconderci dietro un dito, come bambini di due anni che giocano a cucù bau mettendosi un fazzoletto in testa e convincendosi di essere invisibili: noi ci mettiamo la lettera di presentazione davanti e fingiamo di aver inviato solo quel cv solo a quella azienda.

nascondino1

Perché non siamo disperati e alla ricerca di un lavoro, uno qualsiasi (o anche del lavoro dei nostri sogni), no… noi siamo…

Che cosa siamo gente? Ditemelo, perché a parte che “perennemente presi per i fondelli”, o “disperati” o “disoccupati” (le solite, pallose etichette), a me non viene in mente altro per descrivere quello che siamo, le mattine in cui ci alziamo con la sventurata idea di metterci online a cercare lavoro, e inviare curriculum.

Che tanto, alla fine, solo 1 cosa conta:

cv-raccomandati

Annunci

18 thoughts on “La suprema arte mimetica..dell’invio cv

  1. “Perché noi disoccupati dobbiamo sempre fingere, fingere fingere. Fingere di essere altre persone, fingere di essere più interessanti di quello che siamo, e meno disperati di quello che siamo, e più allegri, ottimisti, felici, soddisfatti, pompati, motivati, affaccendati, sulla cresta dell’onda, desiderati, corteggiati, pluripremiati.” Cavolo…queste parole…hai descritto come nessuno lo stato delle cose… Persone senza futuro, ecco cosa siamo 😦

  2. Eh già, funziona esattamente così.
    Allora perchè non ci iscriviamo tutti ad un corso di recitazione?
    Cosa si deve (o non si deve) fare oggi per cercare di conquistarsi un piccolo angolo di lavoro…e bravo chi ci riesce.
    Tutte queste “dritte” che ci vengono date a me sanno tanto di una gran paraculata.
    All’inizio provavo anch’io a seguirle, poi ho smesso perchè a questo mondo c’è un limite a tutto…

  3. Sara cara,
    voglio subito dirti che, per il corso di inglese che sto frequentando, ho un compito da fare per la prossima volta:
    SCRIVERE UNA LETTERA DI CANDIDATURA!!!!
    E ti dico solo che sono l’unica disoccupata tra i frequentanti del corso….
    Unico vantaggio?
    Ne ho mille di lettere di presentazione/candidatura!!!!
    Magra consolazione…

    • ah…. vero che in questi casi sembra che tutto, ma proprio tutto dagli astri incielo ai sassi per terra, esistano con il puro e unico scopo di beffeggiarci??? uno dice il caso e le coincidenze.. ma col cavolo! è una precisa strategia di presa per i fondelli a nostre spese!
      Prendiamola a ridere però, perché di piangere e disperarmi io son francamente stanca…

  4. Dio, quanto mi ci ritrovo. Adoro il tuo stile, fa ridere di una cosa tristemente troppo vera. Ogni volta che invio un CV ho l’impressione che, alla meglio, potrei essere chiamata per un lavoro per il quale mi sono presentata come una persona che non sono, rispondendo ad un annuncio che rappresenta un lavoro che non è. E a volte ti dai la zappa sui piedi perché magari, segretamente, cercavano un cretino a caso, e scrivere troppo correttamente una lettera motivazionale diventa paradossalmente causa di esclusione. A un certo punto cominci semplicemente a dire la verità e o la va o la spacca, ma temo il giorno in cui per disperazione (o età) ri-cominciassi a trasformarmi in una maschera ambulante D:

      • Eh beh, per ora non c’è prova empirica che essere carini e malleabili al colloquio aumenti le possibilità di essere assunti. A dire il vero, per ora, la prova empirica sembro avercela del contrario xD Che situazione difficile

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...