Pisapia ora se la prende con… i maronari

Si, avete letto bene,

potevo chiamarli caldarrostai, caldarrostini, castagnari… ma insomma, avete capito di chi stiamo parlando: di quei pochi, sparutissimi, italiani che ancora riuscivano a tenere la loro bancarella di coccobello (in estate) e mitiche castagne (in inverno) nelle zone centrali di Milano.

caldarroste-milano-centro-pisapia

 

Con la pioggia e con il gelo, con la neve e lo sfacelo, nella stagione fredda su una cosa si poteva noi milanesi contare: sulla presenza, girato l’angolo dietro al Duomo, del caldarrostaro, pronto a scaldare le nostre intirizzite manine (e interiora) con delle caldarroste dolci, cotte a puntino e, soprattutto, allegre come una Vigilia di Natale.

E invece cosa sentono le mie fosche orecchie? La notizia del giorno sparata su social e quotidiani: Pisapia ha deciso dii vietare le bancarelle di caldarroste intorno al Duomo.

Come già aveva fatto con il gelato (decisione poi ritirata a fronte della veemente protesta dei cittadini – e se ricordate avevo scritto anche un articolo in quella occasione – ), ora se la prende con le caldarroste.

E perché lo fa? perché noi poveri milanesi schiamazziamo fino alle 3 di notte mangiando le nostre castagnuole e gettando le bucce sui marciapiedi? nooooo, la decisione prende il via da constatazioni ben più subdole e inconsistenti, o meglio, misteriose.

E così, dopo i Bretzel all’acido muriatico, la polenta che sembra che sia cancerogena, il sempreverde rischio di cogliere qualche fungo tossico e stirare il calzino anzitempo per un peccato di gola, ci vediamo negato anche il piacere di mangiare due caldarroste ben cotte all’ombra della Madunina.

Mai più che riusciremo, noi disoccupati almeno, a potercele permettere al supermercato a 7€ al chilo… e perciò che dire: menomale che sabatoo scorso me ne sono gustata un cartoccetto mentre passeggiavo per il mercato. Potrebbero essere le ultime, rarissime esemplari di quel piacere così nostrano e così infantile di concedersi un piccolo peccato di gola, un lusso da strada, in questa città, che sempre più, non riconosco.

Milano non ci vuole più bene. L’Italia da mo, che non ci vuole più bene.

E ora, neanche le castagne ci potranno più voler bene.

caldarrostai-milano

Non mi resta che citare la Voce d’Italia:

“I milanesi sono stanchi, arrabbiati e si sentono oramai stranieri nella loro città ma al sindaco Pisapia poco importa. Aspettiamoci l’eliminazione della Madonnina dalla guglia più alta del Duomo. Potrebbe dar fastidio ai nuovi “cittadini” che abbracciano religioni diverse e poi, considerando il periodo di crisi, tutto quell’oro su una banalissima statua potrebbe essere un insulto alla povertà!”

E beh, una cosa ve la dico: se siete su twitter, fate girare il #boicottaPisapia. per me, vale più che boicottare la Barilla.

Annunci

4 thoughts on “Pisapia ora se la prende con… i maronari

  1. non sono molto d’accordo. mi sembra che la notizia sia stata oltremodo gonfiata, denigratoriamente nei confronti dell’amministrazione pisapia: l’ordinanza prevede semplicemente che carretti e bancarelle non possano sostare a meno di 50 metri dal sagrato delle chiese a partire dal 30 novembre. questo vale per duomo ed altri luoghi di culto. non mi sembra un aspetto così rilevante per giustificare una crociata nei confronti del sindaco: i maronari continueranno ad esserci, solo in un altro angolo della piazza.

    • io non so cosa dirti, so che mi sembra che fra tanti problemi più urgenti o importanti, la posizione relativa di un banchetto di castagne rispetto al sagrato delle chiese non so.. non mi sembra proprio il primo all’ordine del giorno, ecco. Che ci sia dietro tutto un chiacchiericcio, un gonfiare, un far parlare, è palese e non sto certo a negarlo, in ogni caso non posso nemmeno negare che un’ordinanza del genere mi offende comunque, a prescindere. Se poi si tratta di quello che dici tu sono sollevata, perché almeno non è così grave come pensavo. ma continuo a non essere una fan di pisapia e della sua amministrazione, sse posso appellarmi alla libertà di discutere – non denigrare – e dire la mia opinione.

      • ma ci mancherebbe, quella ben venga! sono indubbiamente molte le critiche e le perplessità di fronte a tante scelte dell’amministrazione. a me sembrava più che altro sproporzionata la critica a fronte di un’ordinanza che, concordo pienamente con te, mi sembrava piuttosto marginale rispetto a ben altri problemi e tantomeno mi sembra tocchi questioni etiche o morali. ma mi sa che rientra nell’abitudine di questo malsano paese al depistaggio sistematico dai problemi seri…

      • Ecco qui non posso fare altro che darti pienissima ragione. Depistaggio sistematico ..fortuna che chi si “beve” le notiziuole come noi poi va amache a informarsi sulle questioni più serie.. Peccato che siamo pochi… Orrendamente pochi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...