10 REGOLE PER UN LOOK PERFETTO AL COLLOQUIO DI LAVORO

Mi pare già di sentirvi, replicare in coro come tante volte abbiamo già fatto, che “prima bisogna procurarselo un colloquio!” in questi tempi di magra boia e stitichezza imprenditoriale… ebbene, siccome non tutti tutti siamo messi con le pezze al c… e io voglio esser ottimista, proviamo, dico solo proviamo, a immaginare di avere un colloquio di lavoro da affrontare.

E di aver già finito di leggere l’ebook sul come affrontare brillantemente le 30 domande che ti faranno al colloquio di lavoro.

Ci si pone ora l’arduo compito di ficcare la testa in armadio e decidere come diamine presentarsi vestiti al benedetto colloquio di lavoro.

4731610173_92e56ff1c9

Il problema è che non bisogna solo essere, miei cari, ma anche apparire. E lasciamo perdere tutte le discussioni filosofiche, politiche, sociali, democratizzanti, protestanti, deliranti, sulla questione “io valgo non devo dimostrare niente a nessuno” oppure “il mio cv parla per me perché dovrei vestirmi anche bene” o peggio ancora “mi rifiuto di mostrare la scollatura solo per avere più punti al colloquio”. Siamo già ben oltre e ci siamo rassegnati: siamo affamanti, belli pronti e carichi a spaccare il mondo.. e persino a barare un po’, se ci può aiutare a portare a casa un lavoro.

(E se non lo siete: diventa telo subito prima che siate troppo affamati!)

I selezionatori infatti sono brutte bestie: a metà fra la checca isterica (isterizzata dalle lunghissime file di questuanti che arrivano alla loro porta o dalla pocaggine dei cv a cui hanno dato appena una frettolosa scorsa – sono tutti uguali, ripetitivi e noiosi -!) e il bambino capriccioso: devono essere ingolositi con qualche vaga promessa di future leccornie, la loro attenzione va conquistata materialmente.

In questo il guru dei colloqui di lavoro ha ragione: ce ne sono 1000 come noi, qualcuno è anche onestamente messo meglio, quindi dobbiamo giocarci tutte le armi possibili.. una delle quali, a parte l’arte affabulatoria, è quella di saper incantare lo sguardo (e magari l’olfatto: ecco perché consiglio l’igiene e la cura del corpo – pur sconsigliando i litri di profumo o di colonia-).

Ecco quindi spiegata l’isteria che ci prende a volte quando ci chiediamo: e dunque, domani cosa mi metto? (o peggio ancora: avevo deciso cosa mettermi ma il tempo è cambiato, e adesso che faccio??)

  1. Anzitutto: i maschietti, maledizione, sono ampiamente favoriti su questo punto. Anche a quelli che si presentano a colloquio per i lavori più umili e non di concetto, consiglio caldamente una certa cura nel vestire. Non dico di arrivare alla giacca e cravatta da matrimonio o funerale, se non ci siete abituati, ma neanche di arrivare in maglietta da tamarro, magari con tatuaggi e piercing in bella vista. Sembrano nozioni di base, ma vi stupireste di cosa si vede in giro al giorno d’oggi.

E fatevene una ragione: le brutte bestie sono anche parruccone, quindi è meglio se immaginiate, mentre vi vestite, di andare a colloquio da vostra nonna ultranovantenne… o con il buon vecchio Marrabbio.

Per le donne la questione si fa più delicata, ma anche più intrigante, come dimostra questo articolo che – letto dopo aver scritto le mie considerazioni- mi ha davvero divertita.

Everyday look - black and white classic outfit
  1. NO al tailleur: fa vecchia, anche se in alcuni casi è doveroso (specie se si lavora in certi ambienti che normalmente richiedono la divisa – in quel caso, se vogliono che la indossiate, dovrebbero fornirla loro… ma ad ogni modo fa sempre bene dimostrare di essere già nell’ottica).
  2. Un tailleur gonna potrebbe essere la soluzione, ma solo se siete abituate ad indossarlo, avete una certa età, e un fisico che ancora si presti. Non c’è niente che tolga più la libido da assunzione ad un selezionatore di vedere caviglie o gambe cicciotte, o gente che arranca sui tacchi di varia altezza come se camminasse con… le ginocchia ingessate (anche se non è propriamente lì immagine che ci viene in mente, sappia telo), e che si agita sulla sedia come se fosse stata ricoperta di spilli.
  3. Dovrebbero essere fuori questione anche la minigonna e i jeans. Ma nel primo caso qualcuno fa un’eccezione, per i motivi di cui sopra (la libido da assunzione): diciamo che questo punto lo lascio decidere fra voi e il vostro confessore.
  4. Un buon pantalone elegante con una maglia o camicia, o un top e giacca, è quello che fa al caso nostro, allora, purché si riesca a rispettare l’equilibrio fra le idee: seria ma non troppo (specie nel caso dello “spezzato”), casual ma con gusto, smart ma non sbragata, giovanile ma non da centro sociale, elegante ma non zoccola.
  5. No al lino e ai materiali che gualcisono, che sembra che siate andati a letto già vestiti per il colloquio o abbiate iniziato una rissa con un altro senzatetto.
  6. Poco trucco, giusto un filo, per dare l’idea di chi si tiene curato ma non esagera mai (bon ton soft) e limitiamo la dimensione e il numero degli accessori: fanno bazaar e distraggono l’attenzione del selezionatore, e fino a prova contraria vogliamo che si focalizzi su di noi, su quanto valiamo, e sulla splendida idea di assumerci!
  7. per lo stesso motivo No alle esagerazioni: pizzi, merletti, frizzi e lazzi, sono segno generale, se abusati, di mancanza di gusto. Anche se firmati Dolce & Gabbana. Fidatevi.
  8. Evitate i contrasti troppo forti (checché ne dica la moda del momento): c’è infatti anche una filosofia della scelta dei colori, nel caso vi interessasse.
  9. Fate soprattutto attenzione a due dettagli fondamentali, che di solito aiutano a farsi più o meno l’idea di chi siamo: la borsa e le scarpe. La borsa: se è troppo piccola o “modaiola” significa che noi stessesiamo modaiole, ma che probabilmente non siamo molto abituate ad “organizzarci la giornata” o ad essere “sempre pronte a tutto” (infatti nella nostra borsa non avremo il prontosoccorso di base, un pasto completo di 3 portate da scaldare al microonde, il cavo del telefono -che dovremo chiedere ai colleghi, scocciandoli a morte- e così via). Per contro una borsa troppo grande e caotica dimostra poca cura in quello che facciamo, soprattutto se passiamo un quarto d’ora a frugarci dentro per estrarre ciò che ci serve: una penna per gli appunti, il nostro cv che si è ficcato chissà dove, il telefono che squilla perchè non lo abbiamo trovato prima per spegnerlo… un modello stile Birkin di quelli che vanno di moda questa stagione sarebbe perfetto (con l’utilità che ne troviamo anche delle graziose rivisitazioni a 20€ sulle bancarelle del mercato.. perchè diciamocelo: chi di noi disoccupate, pur sognandolo, ha mai potuto comprarsi la Birkin vera??)
  10. Le scarpe parlano ancora più di noi, e posto che alte e con il tacco pochissime di noi comuni mortali le potranno indossare per un colloquio (Ci ho provato, ma ci può riuscire solo: chi abita accanto al luogo del colloquio e non deve scarpinare per mezza città o prendere i mezzi; chi è abbastanza facciatosta da partire con le scarpe da ginnastica, arrivare ad un bar accanto al luogo del colloquio, entrare e cambiare le scarpe; chi può pagarsi il taxi), dobbiamo optare per il modello “comodo”. In tal caso, sconsiglierei vivissimamente le ballerine (a meno di non possedere e quindi indossare qualche modello “Gioiello” da grandi firme, che giustificherebbe la vostra bassezza (di altezza e di opzione). per chi è negato per le decolletè si può sempre optare per un buon sandalo dal tacco medio, oppure una parigina/tronchetto (no con la gonna però!). Lo stivale da utilizzare con cautela, perchè volgarizza anche la gonna più chic.. purtroppo.
    Everyday look - business in the city

Everyday look – business in the city di nonnaso contenente leather

Infine le regole del colore, son queste:

  • No al total look nero (a meno che non facciate colloqui per l’alberghiero o posizioni di management – ma anche in quel caso: sdrammatizzate perdio! – a meno che per avere il posto di lavoro non dobbiate ammazzare il vostro predecessore e portarne il lutto per 40 giorni-).
  • Ni al total look bianco (solo in primavera estate, ma attente alla trasparenza dei materiali).
  • Decisamente si ai colori pastello (purché non monocromatici: il total look lilla solo se andate a lavorare dalla Milka e volete dimostrare estremo attaccamento all’immagine e filosofia aziendale – ma poi dovete essere pronti ad un periodo di stage in sostituzione della marmotta in cristi di nervi per essere stata lanciata troppe volte in aria per far fare le bolle alle tavolette di cioccolato… -):
  • si al beige e ai toni soft del marron, ai verdi acqua, agli azzurri carta da zucchero, ai rosa (purché non esagerati, magari meglio se li usate per sdrammatizzare il nero).
  • Ricordate che il verde si usa nelle sale dei dentisti per indurre uno stato di assuefazione, sonnolenza e tranquillità che inebetisce i futuri torturati dal trapano. E noi vogliamo che ci si ricordi, di noi, in maniera positiva.
  • Per lo stesso motivo, evitate, assolutamente evitate il rosso e i suoi derivati: il selezionatore non è un toro e il vostro obiettivo non è di farvi rincorrere per le strade di Pamplona.
Eveeryday look - business comfort zone

E con questo credo di aver terminato le mie 10 regole per il look perfetto da colloquio… il resto è nelle vostre mani (e in quelle di..Voisapetechi).

Dio?

NO! Il selezionatore inacidito!

Annunci

27 thoughts on “10 REGOLE PER UN LOOK PERFETTO AL COLLOQUIO DI LAVORO

    • Ahaha sei troppo avanti io mi limito ad arrivare con abbondanti mezzore di anticipo ma mi vesto a modo mio. Inutile altrimenti se tanto poi ti assumono e il tuo stile non è quello del colloquio…

      • Ennò! Io sono un’hippie: il “mio stile” consiste perlopiù di abiti di seconda mano assurdamente colorati, fibre ecologiche, jeans equo-solidali e gonne zingaresche! Può andar bene finchè faccio la babysitter, le ripetizioni, l’animatrice nei centri estivi o uno di quei lavori in cui c’è la divisa …
        Allora negli anni ho accumulato nel mio armadio un vero e proprio “stend dei travestimenti” che uso per i lavori in cui paventano una forma postmoderna di serietà estetica. Praticamente mi travesto! Camicie, tubini, tacchi, trucco … spesso ugualmente di seconda mano, ma meno fricchettoni.
        Ed è anche molto più facile gestire i lavori di merda, se tanto stai solo recitando una parte !

      • Cavolo però devi recitare per 8 ore al giorno tutti i giorni ..penso che ne sarei capace (l’ho fatto dove lavoravo prima) ma penso anche di non meritarlo perciò che vadano “a quelpa”

      • Per ora ho avuto la fortuna di poterla prendere sul gioco, si trattava dei canonici lavori a tre mesi.
        Certo, nella vita spero di poter lavorare nel “mio” ambito e di potermi vestire come Janis Joplin anche al lavoro.
        O di veder cambiare questo paese in senso nordico-scandinavo, in cui la serietà è data dall’efficienza e non dal trucco acqua e sapone.

      • Bah per mia esperienza alla fine non ti possono dire nulla, pena una denuncia da parte tua. O ti danno una divisa, o ti accettano come sei..
        Lavoravo in alberghiero e c’era una che veniva in ciabatte e pareo.. Nessuno ha mai detto nulla , a parte noi colleghe iene.
        In ogni caso sempre più seriamente penso alla libera professione. Dove sei capo di te stessa.

      • Infatti la questione dei vestiti è spesso pregnante in quei posti di lavoro in cui il personale è sul limite del pecoreccio ma vuole darsi una grande importanza.
        La cosa più divertente è incontrare i colleghi fuori dal lavoro e vedere che non ti riconoscono ! O andare a ritirare l’ultima busta paga in ciabatte e e pareo nello sconcerto generale.
        Sulla libera professione sono idealmente d’accordo ma non vedo come conciliarla con me al momento. Vabbè … posso ancora trincerarmi dietro l’HO TEMPO under 30. =)

  1. Un altro problema che non mi pongo: come vestirmi per il colloquio di lavoro. A maggio compio gli anni, e faccio anche un anno intero senza colloqui! 😀

    Certo che la vita per voi donne è proprio faticosa. In Corea del Nord ve la semplificano assai: c’è un solo vestito disponibile al centro commerciale. Al colloquio di lavoro non si sbaglia mai.

  2. Oggi sono stato al bar vicino a casa mia: un quartiere popolare. Ho visto un sacco di gente alle 10 del mattino, ma soprattutto almeno 4 o 5 ragazze vestite di stivali e trucco iper appariscente. Chissà se andavano a fare un colloquio, se si vestono così per prendere il capuccino, oppure fanno tutt’altro mestiere per il quale il collquio prevede altre domande ? Boh…continuo a non avere risposta. Dipende dal mestiere che fai, dalle motivazioni, dalla voglia che hai, dalla paura e dall’emozione. In ogni caso, credo che bisogna rispondere alle proprie sensazioni: magari derivate dalla voce del selezionatore, dall’azienda, dal lavoro offerto. Vesitevi come sentite che sia opportuno vestirsi. Ciao da uno che fra 14 giorni, o poco più dovrà fare un colloquio.

  3. ottimi consigli, grazie!
    Opterò per le parigine stringate scamosciate (tacco medio, sopportabile ma che slancia un minimo), con un jeans (black però), una camicia bianca e una giacca grigia…oh daltronde io vesto in toni di grigio nella vita quotidiana, mal che vada, ci può scappare qualche blu, qualche viola…ecco.. 🙂

    Faccio una domanda scabrosa: con o senza fede nuziale? Io comunque la porto di rado, poichè mi va larga e ho il terrore di perderla….
    Secondo voi?

    🙂 in bocca al lupo a tutti i colloquianti!
    Io mi in bocco da sola, visto che ce l’ho fra meno di 2 ore ;D

    • mi sembra proprio un ottimo look… ti direi con la fede, ma ti direi anche di fare un po’ come ti senti: il tuo primario obiettivo è di “star bene nella tua pelle” in modo da sentirti sicura e “confident”. Tanto sei una donna: inevitabilmente cadranno sulla domanda a carattere personale – anche se sarebbe vietata dalla privacy – e inevitabilmente verrai stigmatizzata dalla risposta. Non è un segreto che a qualunque colloquio di lavoro guardino le donne in età “fertile”, sposate o no, come bombe a orologeria da maternità. Tanto vale evitare la rottura di domande tipo: ah, sposata. e come mai non porti la fede”? a cui dovresti rispondere “mah guardi veramente sto pensando di farmi operare e cambiare sesso. così siete sicuri che non vi sfornerò 7 figli in 9 anni…mi assumete?”

  4. Pingback: i 10 peggiori intervistatori che ti potranno capitare a un colloquio di lavoro – reblog | Giovane Carina e Disoccupata

  5. posso andare ad un colloquio semplicemente con una camicia bianca,nera oppure viola oscuro ed un paio di jeans scuri, e scarpe mezze eleganti sportive–

    • In teoria si perché sei un uomo.. In pratica no se ti stai presentando per un colloquio su posto di responsabilità (manager, direttore commerciale etc) o per un colloquio nell’alberghiero dove ey vero che ti danno la divisa ma si suppone che tu abbia abitudine a indossare comunque il completo maschile, che resta sempre uno dei migliori biglietti da visita durante i colloqui per fare buona impressione.
      Ahimè è così.

  6. Pingback: Consigli per trovare lavoro e affrontare il colloquio – IMMENSO blog

    • Hm.. Io ti direi di si ma di regola per certe posizioni “di rappresentanza” richiedono la scarpa chiusa, décolleté preferibilmente.. Credo che poi ci siano anche delle direttive a livello di “divisa” (anche se ne ho viste più con le sneakers che serie..). Dipende da come ti senti tu, basta che non siano infradito che fanno spiaggia e se te la giochi bene con il resto dell’outfit…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...